Blog navigation

Ultimi post

Brassicacee (Cavolfiore, Cavolo, Broccolo Romanesco) : prevenzione e difesa dalle principali malattie crittogamiche e dagli insetti

5370 Visualizzazioni
1 Commento
(5)

Nel periodo autunnale-invernale, soprattutto in presenza di temperature miti, occorre prestare molta attenzione ad alcuni parassiti (crittogame e fitofagi), che in caso attacchino, potrebbero compromettere la buona riuscita del raccolto. In questo articolo spieghiamo come effettuare un buon piano di difesa/prevenzione dalle principali avversità delle Brassicacee e i principi attivi ammessi e consigliati per avere un raccolto sano e produttivo.

L’agronomo spiega:

Crittogame, che cosa sono?

Con crittogame ci riferiamo alle malattie fungine (in questo caso, Peronospora e Alternaria delle Brassicacee) che colpiscono le piante.

In questo articolo faremo riferimento a: Peronospora delle Brassicacee (Cavolfiore, Cavolo, Broccolo romanesco), Alternaria delle Brassicacee.

Peronospora delle Brassicacee

Per chi coltiva Cavolfiore, Cavolo e Broccolo romanesco, se ci si trova in situazioni di umidità al mattino e temperature miti durante la giornata, è molto alta la probabilità che si sviluppi la Peronospora delle Brassicacee.

Il nostro consiglio per trattare la Peronospora è quello di non aspettare di veder comparire l’infezione ma, innanzitutto, trattare preventivamente in caso di situazioni favorevoli allo sviluppo di patologie funginee (umidità e temperatura mite), con i seguenti principi attivi:

Prevenzione e cura Peronospora di Cavolfiore, Cavolo, Broccolo romanesco

I principi attivi per combattere la Peronospora delle Brassicacee, utilizzabili sia per prevenire che per curare la Peronospora sono: Metalaxil e Rame, che possono essere utilizzati insieme.

Prevenzione e cura in BIO Peronospora di Cavolfiore, Cavolo, Broccolo romanesco

Se ci troviamo in Agricoltura Biologica, l’unico principio attivo ammesso è il Rame. 

Alternariosi delle Brassicacee

Altra grave problematica che possiamo incontrare coltivando le Brassicacee è l’Alternariosi(alternaria della Brassicacee), un altro fungo che si sviluppa nelle stesse condizioni della Peronospora (umidità al mattino e temperature miti).

In questo caso i danni che può provocare sono enormemente superiori, soprattutto se le piante hanno già sviluppato le infiorescenze.

Pertanto, il consiglio ogni Agronomo darebbe in questo caso, è effettuare trattamenti di prevenzione, perché, sulle Brassicacee potrebbe causare un danno che renderebbe non commerciabile tutto il raccolto, ad esempio quando si manifesta con la “macchia sull’infiorescenza” è troppo tardi, non potrete più vendere il raccolto e tutto lo sforzo, fisico ed economico, sarà stato inutile.

Come prevenire l’Alternariosi (alternaria) delle Brassicacee

La prevenzione all’Alternaria di cavolo, cavolfiore e broccolo si effettua dall’ inizio della formazione dell’infiorescenza fin quando l’infiorescenza raggiunge la grandezza di un mandarino.

Consigliamo di effettuare due trattamenti, a distanza di una settimana, con Difenconazolo e Azoxystrobin, miscelandoli tra loro, aggiungendo un prodotto rameico se si prevedono temperature superiori a 5°C.

Come prevenire l’Alternariosi (alternaria) delle Brassicacee in BIO

In Bio bisogna trattare le Brassicacee sempre da inizio infiorescenza ad infiorescenza grandezza mandarino con Rame Bicarbonato di Potassio

Fitofagi, che cosa sono?

I fitofagi sono, sinteticamente, organismi che si nutrono a spese delle piante, pertanto pericolosi perché se non debellati, possono compromettere la riuscita del raccolto e rendere incommerciabile i Cavoli, Cavolfiori e Broccoli.

I principali fitofagi che meritano attenzione per le Brassicacee sono: Nottue, Cavolaia e Tignola delle crucifere (Mamestra brassicae, Pieris brassicae, Plutella xilostella)

Difesa da Nottue, Cavolaia e Tignola delle crucifere sulle Brassicacee

Nella coltivazione di Cavolfiore, Cavolo e Broccolo romanesco, va posta attenzione nella difesa, soprattutto nelle fasi iniziali della coltura e in fase di pre raccolta, infatti, la presenza di questi lepidotteri in fase di raccolta, renderebbe non commerciabile il prodotto.

I principi attivi consigliati per la difesa da tali fitofagi sono: Bacillus Thuringiensis, Azadiractina, Deltametrina, Lambda-cialotrina, Betacifutrin e Indoxacarb.

Difesa BIO da Nottue, Cavolaia e Tignola delle crucifere sulle Brassicacee

In coltivazioni biologiche sono ammessi solamente Bacillus Thuringiensis e Azadiractina.

Come aumentare l’efficacia dei trattamenti

Si consiglia, al fine di aumentare l’efficacia dei trattamenti, di utilizzare 3-4kg di Zeolite ad ogni trattamento perchè diminuisce l’umidità sulle piante e crea una cuticola sulle foglie che aiuta anche a prevenire malattie crittogamiche e rende più diffici gli attacchi dei fitofagi.

Aggiungere un concime fogliare ai trattamenti per stimolare le difese della pianta

Per assicurare una buona riuscita di prevenzione e difesa dalle patologie che colpiscono le piante, è opportuno aggiungere un concime fogliare ai trattamenti, perché, oltre a nutrire la pianta, andiamo a stimolare le auto-difese delle stesse

Concimi fogliari stimolatori delle difese in Agricoltura integrata

Maxiplant Nutriland Concime Calcio Magnesio

Pluvium Nutriland concime Alghe marine

Frutrel Yara Concime NP con Boro e Zinco

Kendal Valagro concime biostimolante Azoto Potassio

Megafol Valagro concime Antistress attivatore delle difese

Mc Extra Valagro concime Biostimolante

Mc Cream Valagro concime Biostimolante

Marvita Sipcam concime Fisioattivatore

Photrel Pro Yara concime mesoelementi e microelementi

Fosfipotass Mugavero concime Fosforo e Potassio

Blackjak Sipcam Concime Leonardite

Concimi fogliari stimolatori delle difese in Agricoltura biologica

Mc Extra Valagro concime Biostimolante

Mc Cream Valagro concime Biostimolante

Photrel Pro Yara concime mesoelementi e microelementi

Blackjak Sipcam Concime Leonardite

Lascia un commento

Commenti

  • Concimi fogliari stimolatori delle difese in Agricoltura biologica
    Da:Dragon Knight In December 10th 2019
    Rating:
    5.0

    Concimi fogliari stimolatori delle difese in Agricoltura biologica